🇮🇹 SPEDIZIONE SOLO PER L'ITALIA

Non hai articoli nel carrello.

Non hai articoli da confrontare.

Ricerca

LA CANTINA

 

LA CANTINA

I RITI DELLA NATURA E DELL'UOMO

 
 

In cantina: tecnologia d’avanguardia e tradizione

Nella lavorazione del vino, ci sono gesti che l’uomo ripete da secoli, acquisiti e interiorizzati, ma non per questo meccanici o casuali. 
Ogni passo, ogni decisione segue una calendario di “riti” scanditi dalla natura e dai suoi processi: la pigiatura, i travasi, il riposo nelle botti… 
Ogni gesto dettato da una naturale ricerca della qualità e della più raffinata totalità ed intensità di sapori per offrire al consumatore prodotti dalle qualità ineccepibili. 
Il piacere infatti di inebriarsi degli aromi di una qualità superiore ripaga di tutte le fatiche e di tutte le attenzioni riposte nell’attesa e nella preparazione dell’assaggio, fatidico ‘momento della verità’…

Tutte le fasi di lavorazione avvengono in sede aziendale, a Motta di Livenza:
la pigiatura delle uve, le macerazioni, le vinificazioni a temperatura controllata, le spumantizzazioni - anche estreme per i lunghi tempi di permanenza sui lieviti -, l‘affinamento, che ci piace chiamare il ’lungo riposo‘, in barrique e tonneau, la messa in bottiglia.

 

 

 

TERRE & VIGNE

TESORI DELLE VIGNE

 
 

Tesori da ascoltare

La maturazione e la raccolta dei grappoli premia le fatiche di un anno intero e segna l’inizio di una nuova annata di sfide volte alla qualità e alla ricerca della perfezione. Le uve sono la “materia prima” del nostro lavoro: non bastano solo ottimi terreni e accorte tecniche di coltivazione, ma una dedizione costante e appassionata, un vero e proprio contatto “fisico” con le vigne, per scrutarne i segreti bisogni o coglierne i confortanti segnali di salute…

 

Tesori da coltivare

I nostri vigneti sono allevati a sylvoz e a cordone speronato, per produzioni limitate. 
A fianco di potature rigorose, monitoriamo l’inerbimento spontaneo e pratichiamo sfogliamenti mirati in base all’annata. 
Per una mirata scelta agronomico-enologica, dal 1995 abbiamo mappato i vigneti assegnando un numero identificativo ad ogni singolo filare, ai fini del controllo della qualità e della tracciabilità. 
La densità d’impianto si attesta su 3000 piante ettaro per una precisa scelta determinata dalla natura dei terreni; per evitare cioè la competizione radicale tra le piante ed portarle a dare il giusto frutto senza forzature ed estremizzazioni.

 

 


La qualità delle uve è il primo gradino di un processo produttivo,
frutto di conoscenze spesso gelosamente conservate.
Vogliamo condividere con voi
il piacere di sapere quel tanto di essenziale
sui vitigni e i loro frutti,
perché possiate apprezzare a pieno
le doti del loro generoso succo
e del suo straordinario evolversi.